Perizia Psicologica

imagesLF69VFG9

La psicologia giuridica studia la persona in rapporto alla posizione giuridica ed al ruolo rivestito nella famiglia, nella scuola, nel mondo del lavoro e delle professioni e nella società valutandone aspetti intellettivi, caratterologici ed attitudinali della psiche. La psicologia giuridica studia quindi principalmente il vissuto personale (profilo psicologico) delle persone coinvolte in procedimenti giudiziari. L’ambito concerne lo studio di:- untitled

– fattori della personalità (intelligenza, carattere, attitudini, bisogni, tendenze, motivazioni, stimoli, socializzazione);

– condizioni della personalità (fragilità psichica, deficit intellettivo, stress psicosomatico, affaticamento mentale, morbilità psichica, pericolosità sociale);

– aspetti psicologici conseguenti a separazione, divorzio, adozione nazionale e internazionale, affido etero-familiare del minore, maltrattamento di minori e abuso sessuale, violenza di gruppo, turbamento mentale e psicofisico della vittima, pedofilia e sette;

– minori a rischio di devianza, principali fattori delle “carriere criminali”, bullismo, “branco”, dipendenze e sfruttamento;

– aspetti psicologici della responsabilità penale dei minori e degli adulti;

– comportamento del “testimone”, effetti dello stato di reclusione;

– valutazione/misurazione del danno psichico;

– osservazione e descrizione psicologica del comportamento deviato e della colpa;

– consulenza tecnica e perizia psicologica, in ambito civile e penale, per il Tribunale.

imagesRHEVB7WYLa psicologia forense, è un’area specialistica della psicologia giuridica, che si occupa dei processi psicologici relativi ai diversi aspetti della dimensione giuridico. La psicologia forense gode del contributo di altre discipline, quali il diritto penale e la criminologia, e svolge un ruolo tecnico nella comprensione di rilevanti casi giudiziari, di concerto con altre figure professionali quali magistrati, avvocati e altri consulenti. Un importante aspetto di questa disciplina è lo studio della cosiddetta “psicologia della testimonianza”. Nei diversi ordinamenti giudiziari, le domande poste dal magistrato allo psicologo forense non riguardano solo valutazioni psicologiche per determinare la capacità di intendere e di volere dell’imputato, ma anche pareri sul trattamento, consulenze tecniche sui fattori concomitanti il reato, sul rischio di recidiva, sull’attendibilità delle testimonianze, ecc. Le sue competenze sono anche richieste nella formazione e nell’accreditamento del personale di polizia penitenziaria e di altri organi delle forze dell’ordine.

In ambito peritale, lo psicologo può essere interpellato per valutare:

– Se una persona possiede un livello intellettivo e una salute mentale sufficienti per poter testimoniare; se l’atto criminale che ha commesso può essere conseguenza di una psicopatologia, e/o di uno stato di temporanea o permanente incapacità di intendere e di volere; l’idoneità di un detenuto allo svolgimento di determinate attività lavorative in carcere o nell’ambito delle misure alternative; potrà fornire elementi tecnici per aiutare il giudice a valutare l’attendibilità di una testimonianza.

– Se una persona sta attuando simulazione (malingering) di sintomatologie psichiche. Un imputato può intenzionalmente lamentare dei sintomi psichici o fisici allo scopo di ridurre le proprie responsabilità giuridiche, o di eludere il lavoro o qualsiasi altro adempimento cui è obbligato dalla legge. Lo psicolimages4CZ14QVUogo forense deve individuare tali casistiche. Per fare ciò, si valuta la coerenza degli stessi, come il soggetto si comporta in altri contesti, e come questi falsi sintomi si manifestano.

– Nei casi in cui l’imputato sia riconosciuto colpevole ma con infermità mentale, la sua condizione, sia attuale sia precedente alla sentenza, può portare ad uno sconto di pena. Lo psicologo forense dovrà valutare la sussistenza dei requisiti per ottenere tale beneficio.

– Valutare la pericolosità sociale di un individuo o l’eventualità di una recidiva. Può, in tal caso, fornire un parere circa le possibilità di recupero sociale.