Cerca

Contattami

Errore nell'invio dell'email, per favore ricontrolla i dati inseriti

Perizia Balistica

Perizie balistiche

clip_image001 La perizia balistica procede alla ricostruzione della dinamica di svolgimento dell’azione di fuoco.
Gli incarichi propri che l’esperto balistico ha il compito di svolgere sono i seguenti.
Esami descrittivi e merceologici:
– accertare marca, modello, calibro, data o epoca di fabbricazione di un arma da fuoco
– provvedere a fornire la sua classificazione normativa, ossia se si tratta di arma comune da sparo consentita o clandestina, da guerra o antica;
– accertare il calibro, la marca e il tipo del munizionamento
– accertare se lo stesso è di origine commerciale, militare oppure assemblato/ricaricato con attrezzatura domestica;
– verificare lo stato di conservazione, manutenzione e funzionalità di armi e munizioni;
– verificare se le stesse abbiano subito interventi di modifica, di sostituzione delle singole parti e componenti, – verificare se qualcuna di queste sia stata obliterata al fine di rendere più difficoltosa o impossibile l’indagine balistico comparativa.
Esame balistico-comparativo:
– verificare dall’esame dei bossoli e/o proiettili in reperto il numero e il tipo (calibro e tipologia di funzionamento) di armi impiegate nell’episodio criminoso.
– stabilire, la classe di arma di provenienza dei reperti esaminati;
– accertare se i bossoli e/o proiettili in reperto provengono da cartucce impiegate in armi sospette (identificazione dell’arma del delitto).
Valutazione criminalistica del caso – ricostruzione della dinamica:
– ricostruire la dinamica di svolgimento dell’azione di fuoco;
– individuare gli epicentri di fuoco, la posizione reciproca tra tiratore e vittima, le posture assunti da questi, le distanze di sparo e ogni altra utile informazione alla soluzione del caso.

Accertamento comparativo

Striature

L’accertamento comparativo, croce e delizia degli esperti balistici, si esplica effettuando il confronto microscopico tra le microtracce tipizzanti le impronte di percussione, estrazione ed espulsione sui fondelli dei bossoli e le microstriature all’interno dei solchi di rigatura dei proiettili.

Matricole abrase

tamburo cane della pistola

Molto spesso negli episodi delittuosi caratterizzati dall’uso di armi da fuoco si rinvengono armi sprovviste del contrassegno matricolare in quanto obliterato appositamente per non permettere di risalire alla provenienza dell’arma. In tal caso si può procedere al ripristino della matricola con metodi ottici o con l’impiego di reaggenti acidi.

Residui di sparo

Residui dello sparo

Connesso con l’impiego delle armi in un evento criminoso è l’importantissimo, dal punto di vista della formazione della prova, a carico o a discolpa, problema dela rilevazione delle tracce di sparo su individui sospetti di aver fatto uso di armi da fuoco per il compimento di un reato.

Il prelievo e la rilevazione dei residui derivanti dall’uso di arma da fuoco (denominati Gun Shot Residues – GSR) sulle mani di persone sospettate di essere implicate in crimini di sparo, svolgono un ruolo molto importante ai fini dell’indagine giudiziaria.

Scopo di tale indagine e di disporre di prove affidabili ed oggettive di avvenuto uso di arma da fuoco, così da essere presentate come prova di colpevolezza o di assoluzione nelle aule di giustizia.